Microraptor

Il Microraptor, noto anche con il nome di dinosauro a quattro ali, è una delle creature che hanno più incuriosito e stupito i paleontologi dai primi ritrovamenti di reperti fossili ad oggi.

Vissuto in Cina nel Cretaceo Inferiore tra i 130 ed i 120 milioni di anni fa, questo teropode era imparentato con il Velociraptor e con altri Dromaeosauridi.

Il Microraptor

 

Autore del ritrovamento del primo Microraptor fu il paleontologo cinese Xu Xing nel gennaio del 2003.

Questo piccolo dinosauro carnivoro, molto simile ad un piccolo rapace, venne ritrovato in ottimo stato di conservazione nella zona del Liaoning, in Cina Nord-orientale, area nota agli scienziati in quanto ricca di resti di dinosauri giunti a noi in perfette condizioni.

La zona infatti, un tempo lacustre e habitat ideale per moltissime specie di dinosauri, venne sconvolta da una fortissima eruzione vulcanica che trasformò l’intera area in un vasto deserto e ricoprì di enormi quantità di fuliggine ogni forma di vita presente, cancellandola e allo stesso tempo conservandola fino a noi sotto forma di resti fossili. Lo stato di conservazione dei reperti fossili di Microraptor ritrovati in quest’area (se ne contano centinaia) è talmente buono che le rocce a grana fine che contengono i fossili sono in grado di mostrare persino l’impronta delle piume che caratterizzavano questo dinosauro.

Ma quali erano le principali caratteristiche fisiche del dinosauro Microraptor?

Il Microraptor rappresentò una vera sorpresa per il mondo scientifico.

Le nitide impronte lasciate dagli esemplari di Microraptor Dinosaur sulle rocce cinesi avevano permesso di individuare alcuni tratti della loro fisionomia piuttosto sorprendenti:

  • Il loro corpo era ricoperto di piume sugli arti anteriori e posteriori, che non fungevano da braccia e gambe ma da vere e proprie ali, con un piumaggio molto simile a quello degli uccelli. Questo rappresentò una scoperta sorprendente e accese molti interrogativi sulle modalità di evoluzione dei dinosauri in dinosauri alati, visto che fino a quel momento gli unici dinosauri volanti piumati conosciuti appartenevano alla specie dell’Archaeopteryx, dotato di sole due ali in corrispondenza degli arti anteriori e non quattro come il Microraptor.
  • Altrettanto sorprendenti erano le sue dimensioni. Con i suo circa 40 cm di lunghezza in età adulta ed un peso di circa 1 Kg, il Microraptor rappresentava il più piccolo dinosauro carnivoro mai scoperto, battendo il record che allora spettava al Compsognathus che per molto tempo era stato considerato il più piccolo dinosauro mai esistito.

Se le ali ed il piumaggio alare avevano fatto pensare che il Microraptor potesse effettivamente volare, proprio le proporzioni delle sue ali rispetto al peso portarono alcuni scienziati ad escludere che questo piccolo dinosauro fosse in grado di compiere un vero e proprio "volo attivo". Molto probabilmente questo dinosauro trascorreva gran parte del suo tempo sugli alberi, cacciando piccole prede come lucertole e mammiferi e limitandosi a planare da un ramo all’altro.

Poco importa, tuttavia, se il suo volo sia consistito in un vero battito di ali piuttosto che in una semplice planata. Ciò che conta è che il dinosauro Microraptor era molto probabilmente dotato di una sorprendente capacità di compiere movimenti rapidi in aria, simili a virate, che da un lato gli consentivano di sfuggire a predatori molto più grossi e veloci di lui, dall’altro gli permettevano di catturare prede agili e veloci come l’uccellino ritrovato nel ventre di un esemplare di Microraptor.

Che strano animale preistorico era il Microraptor: un corpo apparentemente costruito per la corsa, con un piumaggio sugli arti posteriori che sicuramente non gli rendeva facile gli spostamenti sulla terraferma e una fisionomia che per alcuni versi ricorda i corvi moderni, nella forma e nella colorazione delle sue piume tendenti all’iridiscente, a causa delle quali molti studiosi sono propensi ad escludere che questo piccolo dinosauro carnivoro fosse un predatore notturno.

Questo dinosauro volante può essere considerato l’antenato degli uccelli moderni?

Con il ritrovamento dei suoi resti fossili gli studiosi, che da tempo dibattevano sul se e sul come gli uccelli moderni avessero avuto origine dai dinosauri, pensarono di avere finalmente trovato una risposta.

Se infatti inizialmente alcuni scienziati pensarono di poterlo considerare il vero antenato degli uccelli, molti di loro esclusero che ci fossero elementi scientifici in grado dimostrare che la planata del Microraptor possa essersi evoluta nel potente volo alare degli uccelli moderni.

Il processo evolutivo dei dinosauri verso i dinosauri volanti rimane dunque ancora un mistero.

Quello che sappiamo è che Archaeopteryx è ancora oggi l’uccello più antico mai ritrovato, in quanto risalente a circa 150 milioni di anni fa, cioè ben 20 milioni di anni prima della comparsa del Microraptor.