shark t rex

Scoperto il dente di uno squalo dentro un fossile di T Rex

Il dente di uno squalo preistorico è stato scoperto all’interno del fossile di un dinosauro T Rex. Il fossile ha nascosto il dente per anni, finché gli scienziati del Field Museum di Chicago hanno fatto l’incredibile scoperta.

Il Journal of Paleontology ha diffuso la notizia. Tutto parte dall’analisi dei resti di Sue, il più noto T. Rex rinvenuto nel Sud Dakota.

Probabilmente Sue beveva nel fiume dove lo squalo preistorico nuotava.

Secondo Pete Makovicky, curatore del Field Museum:

“Questo dinosauro viveva nello stesso periodo del dinosauro Sue. La maggior parte del suo corpo non è stata ritrovata, ma è stato possibile ritrovare il suo dente fossilizzato”.

Lo squalo è stato ribattezzato “Galagadon nordquistae”. Il nome è dovuto alla forma triangolare del dente, che ricorda le astronavi del videogioco degli anni Ottanta “Galaga”. Ma è anche un omaggio a Karen Nordquist, il volontario che ha scoperto il fossile.

Il dente è grande 1 millimetro, e ciò dimostra che anche lo squalo a cui è appartenuto era piccolo.

Karen Nordquist, chimico in pensione, ha dichiarato in merito:

“Era talmente piccolo che non lo avremmo notato se non guardando molto attentamente. Sembrava una piccola protuberanza”.

Continua Pete Makovicky:

Lo squalo Galagadon era lungo meno di due piedi (circa mezzo metro) e può essere paragonato agli attuali squali bambù. Probabilmente aveva una faccia piatta e un colore tale da camuffarlo. Si sarebbe potuto nutrire di piccoli invertebrati e probabilmente passava il suo tempo sul fondo del letto del fiume.

La scoperta del dente porta anche novità per quel che riguarda il dinosauro T Rex Sue e l’habitat dove viveva. Fino ad ora si era ipotizzato che Sue vivesse in una località nei pressi di un lago formato da un fiume parzialmente asciugato, mentre la presenza di uno squalo suggerisce qualche collegamento con ambienti marini.

Era il periodo del tardo Cretaceo, quando i continenti si stavano separando e si stavano creando gli attuali oceani Indiano e Pacifico

Lo studio dimostra comunque che approfondendo gli aspetti relativi a piccoli resti, si possono scoprire dettagli importanti degli ambienti dove vivevano i dinosauri.

Giornalista Iscritta all'albo
Eleonora Spagnolo on Linkedin
Per Eleonora Spagnolo News